Teatro Marittimo
Blog detail
18

Torna a splendere il Teatro Marittimo di Villa Adriana a Tivoli

Oggetto di una campagna di attento restauro durata tre anni, il Teatro Marittimo insieme alla Sala dei Filosofi, sarà di nuovo visitabile a partire dal 29 luglio 

Teatro Marittimo, Villa Adriana_1 Teatro Marittimo, Villa Adriana_2 Teatro Marittimo, Villa Adriana_3 Teatro Marittimo, Villa Adriana_4 Inaugurazione Teatro Marittimo, Villa Adriana_5

Nella cornice emozionante di una serata romana d’estate, si è svolta l’inaugurazione di uno dei luoghi più suggestivi dell’area Archeologica di Villa Adriana, il Teatro Marittimo, una fonte di ispirazione per l’architettura moderna di ogni epoca. Alla presenza del Sottosegretario del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con delega ai siti Unesco Ilaria Borletti Buitoni, Andrea Bruciati - Direttore dell’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d’Este - ha sottolineato l’importanza di questo successo, che non solo ha risolto problemi statici, ma che ha anche permesso un generale maquillage, ritessendo le superfici murarie e ridando consistenza alle strutture, indebolite dalle spoliazioni e dalle ferite del tempo.

Un’inaugurazione che segna anche l’inizio di un biennio dedicato al grande Imperatore, in occasione del 1900° anniversario dalla sua ascesa al trono. “Il Teatro Marittimo – commenta Bruciati – era uno spazio dedicato al pensiero, alla meditazione, alla riflessione, che riemerge ora da un restauro che ha interessato nell’ultimo triennio un’area fondamentale del complesso residenziale adrianeo. Ambiente simbolo dell’immaginario, parzialmente inaccessibile dal 2010, che ora reintegra la lettura totale del monumento, proiettando una luce nuova sul futuro prossimo della Villa.”
Alfonsina Russo, Soprintendente per l’archeologia, le belle arti e il paesaggio per l’Area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, ha invece illustrato l’importanza dell’intervento di restauro: “L’impegnativa opera di restauro, svoltasi nel 2014-2016, ha risolto i problemi di sicurezza e restituito piena leggibilità al più celebre complesso monumentale della Villa che per le sue numerose citazioni nell’architettura moderna ha contribuito in maniera determinante all’iscrizione della residenza tiburtina nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Analogamente – conclude la Soprintendente – nell’attigua Sala dei Filosofi integrazioni e consolidamenti hanno ridato nettezza di linee alle colossali strutture di quella che fu in realtà la biblioteca della Villa, espressione dell’ideale di cultura greca, vero elemento unificante dell’Impero di Adriano”.

Il Teatro Marittimo (118-125 d.C.) è il monumento che più interpreta il ruolo di Villa Adriana come patrimonio dell’umanità. La sua perfetta forma ad anelli concentrici fu ideata come snodo per accedere agli edifici circostanti, ma la presenza di una domus in miniatura sulla zona centrale della “isola” ne denota anche la destinazione a ritiro dell’imperatore, un luogo dove coltivare l’otium letterario e filosofico. La sua riapertura preannuncia diverse iniziative sia all’interno della Villa che nella vicina Tivoli, ricca di straordinarie bellezze architettoniche come Villa d’Este e Villa Gregoriana.

ULTIMI ARTICOLI NELLA RUBRICA destination

La Penisola di Samaná
La Penisola di Samaná
3/12/2018
di Barbara Ainis
La bellezza della Laguna Sud di Venezia
La bellezza della Laguna Sud di Venezia
8/11/2018
di Luciana Sidari
Un percorso metropolitano di eventi tra nobili dimore, piazze e parchi della Riviera del Brenta. Fino al 4 novembre
Alla scoperta dei vini dell’Alto Piemonte
Alla scoperta dei vini dell’Alto Piemonte
25/10/2018
di Alberto Osella
Toscana: mille travel experience da scoprire
Toscana: mille travel experience da scoprire
2/10/2018
di Cristina Chiarotti

Cerca Articoli WEB