Il meglio del turismo business&leisure

Blog detail
145
2020

Walter Marcheselli, BWH Hotel Group: «È tempo di pensare al futuro»

BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza. Il Gruppo si prepara a ripartire con iniziative mirate rivolte ai soci, ai nuovi affiliati e ai clienti

BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza_1 BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza_2 BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza_3 BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza_4 BWH Hotel Group: strategie per la ripartenza_5

Il mondo del turismo e dell’ospitalità sta vivendo la sua sfida più difficile. Ma è proprio in momenti come questi che nascono nuove idee, nuovi paradigmi di sviluppo e nuove strategie, compiendo scelte responsabili sia a livello individuale che collettivo, per andare avanti, insieme. Questa è stata anche la scelta di BWH Hotel Group – che oggi, dopo l’acquisizione nel 2019 da parte di Best Western di WorldHotels (300 strutture presenti in tutto il mondo, di cui 10 in Italia), si posiziona tra i grandi player internazionali, anche per quanto riguarda i segmenti luxury e upscale. Primi importanti segnali vengono da imprenditori alberghieri che hanno scelto di affiliarsi al Gruppo in un momento in cui verrebbe naturale pensare soprattutto ad un contenimento di costi.

Il vantaggio di essere una Cooperativa

«Per noi del turismo e dell’ospitalità gli effetti dell’epidemia sono stati immediati e devastanti», dice il Presidente del Gruppo Walter Marcheselli, «Molti alberghi hanno chiuso, non parlo solo delle strutture nelle grandi città, ma anche delle strutture che vivono di viaggi di lavoro, convegni e meeting perché, da subito, c’è stata la volontà di seguire l’ordinanza con l’obiettivo di rendere più sicura la ripartenza. Essere una Cooperativa, in situazioni come questa, ha il vantaggio di non sentirsi mai soli: mentre aspettiamo le misure economiche del Governo, a cui l’industria del turismo deve accedere in tempi brevissimi, visto il suo peso sul PIL, sappiamo di poter contare sulla forza del Gruppo, sul sostegno del management e dello staff in sede e sul supporto dei colleghi dell’International. Insieme agli hotel stiamo facendo il possibile per limitare il danno presente e, al tempo stesso, vogliamo guardare al futuro, ponendo le concrete condizioni perché la ripresa possa iniziare il prima possibile e in sicurezza».

BWH Hotel Group, strategie per la ripartenza: Special Protection, Travel Bond Best Western e BWH Family.

È pronto il protocollo Special Protection per la riapertura in piena sicurezza di ospiti e staff si basa su cinque punti: sanificazione e igiene delle strutture, procedure per lo staff, dispositivi e suggerimenti utili al cliente, innovazione tecnologica e copertura assicurativa. ll progetto rientra tra i servizi ad alto valore che BWH Hotel Group destina ai propri affiliati e permetterà di risolvere i momenti potenzialmente critici grazie alla tecnologia con un ulteriore potenziamento di web check-in l’arricchimento della digital customer journey e implementando importanti soluzioni di digital check out.

Altra iniziativa pensata per la ripartenza, è il nuovo prodotto BW Travel bond, un credito per futuri soggiorni alberghieri che garantisce un rendimento immediatamente riconosciuto del 25% da spendere nei 180 hotel italiani. I bond, disponibili in tagli da 50, 100, 200 e 500 Euro, si acquistano online sulla piattaforma voucher di Best Western.

Sul fronte delle iniziative rivolte ai soci, il Gruppo organizza, invece, settimanalmente i BHW Family, webinar per condividere consigli e best practice che, in un contesto come quello attuale, assumono un valore ancora più importante. Ogni settimana oltre 200 persone hanno ascoltato il resoconto della sede e il contributo professionale di ospiti esterni tra cui: Gabriele Milani director di FTO, Edoardo Cognonato, coach e formatore, Angelo Candido di Federalberghi e Mirko Lalli di The Data Appeal Company.

Tra le iniziative di CSR spicca “Grazie di Cuore”, per ospitare in hotel il personale sanitario dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo come segno di riconoscenza per l’incommensurabile lavoro svolto nell’emergenza.

La differenza la fanno le persone

«Il cambiamento va cavalcato con mentalità e leadership evolutive», continua il presidente Marcheselli «Da sempre sostengo che far parte di un gruppo, fare sistema, fare fronte comune siano privilegi straordinari. E questo vale ancor più in momenti complicati, come questo. La Cooperativa è una piattaforma ideale per crescere e portare valore ai soci. Gli affiliati a BWH Hotel Group accedono a strumenti concreti per potenziare risultati e rendere più efficiente la gestione dei loro hotel. Siamo consapevoli che oggi la differenza significativa la faranno ancora di più le persone, anche avvalendosi di una consulenza professionale e mirata. In sede centrale a Milano e sul territorio italiano operano oltre 70 professionisti con competenze specifiche e una prossimità agli alberghi unica nell’hôtellerie».

La governance del Gruppo

A guidare la Cooperativa è un Consiglio di Amministrazione composto da soli albergatori, eletti dall’assemblea dei soci, particolarità che rende Il Gruppo una realtà unica nel panorama globale. Un’altra unicità di BWH Hotel è il suo network internazionale: 90 paesi, 4500 strutture e una compagine manageriale solida nella sede centrale di Phoenix assicurano un virtuoso scambio di best practice in ambito di innovazione, customer experience, design e una rete di supporto in momenti critici. Cruciale è il ruolo di Giovanna Manzi, CEO del Gruppo che, con il suo management e la sua squadra, definisce le strategie sui brand, assicura un supporto qualificato agli affiliati accanto all’impegno sullo sviluppo del network.

La leadership, attitudine da coltivare

«Oggi occorre investire sulle intelligenze ad ogni livello per creare leader innovatori», dice Giovanna Manzi. «Con una precisazione: il leader non è solo chi è capo di un’azienda, ma chi, in qualsiasi ruolo in un’organizzazione, sia in grado di creare valore e abbondanza. Solo se il leader evolve anche le organizzazioni potranno evolvere. L’attuale scenario che stiamo vivendo potrebbe dare vita a due atteggiamenti: uno di chiusura, di conservazione e paura. In sintesi: chiudo l’hotel, lavoro solo sui costi, aspetto che l’emergenza passi per tornare come prima. Ma, purtroppo, nulla sarà più uguale a prima. Questo atteggiamento conservativo non è utile: nel medio termine servirà uno spazio intermedio di recupero dove occorrerà capire cosa non ha funzionato nella propria azienda, quali le conseguenze subite e quanto prima possibile porvi rimedio. L’unico atteggiamento possibile è dunque quello evolutivo. Nel concreto, se gli alberghi sono dipendenti dall’estero per l’80-70% e i mercati esteri sono in perdita, è inutile concentrarvisi. È più opportuno alimentare la clientela domestica che, invece, sarà quella più propensa a ritornare a viaggiare e non potrà andare all’estero».

Cinque domande da rivolgersi in momenti di crisi

  1. Chi sono stati i partner affidabili, quelli che vi hanno aiutato?
  2. Chi invece vi ha ignorato?
  3. Quali modelli organizzativi hanno funzionato meglio?
  4. Come posso migliorare la mia liquidità?
  5. Ho approfittato del momento di stop per attivare una campagna di formazione a distanza a tappeto su tutti i miei collaboratori?

Lo sviluppo non si ferma: 6 nuovi alberghi nel gruppo

Sei nuovi hotel si sono attivati sui sistemi BWH nella prima settimana di maggio. Sei imprenditori alberghieri, oggi nuovi soci, hanno deciso di affidarsi al gruppo e investire nonostante il momento di grande incertezza per il mercato dell’hotellerie.

“La fiducia che questi imprenditori alberghieri ripongono nelle nostre capacità e nelle nostre soluzioni, assume oggi un valore ancora più significativo evidenziando quanto il network sia essenziale per superare momenti critici – dichiara Giovanna Manzi, CEO di BWH Hotel Group – E’ il frutto di un lavoro impostato da tempo ma, per certo, è anche stimolato dal dinamismo e la proattività messi in campo dal brand in queste ultime settimane.” “Il supporto che ci richiedono riguarda i numerosi aspetti che, da strutture indipendenti, difficilmente si affrontano e si superano: nuovi protocolli di sicurezza, progetti di comunicazione e anche consulenza distributiva.” I nuovi hotel sono:

 

ULTIMI ARTICOLI NELLA RUBRICA focus-on

Aperitivo in piazzetta da scoprire post Covid19
Viaggio tra gli hotel più belli del lago di Garda
Cagliari: progetti post Covid per ripartire con il turismo
Cagliari, dal coronavirus alla Città del Sole
19/5/2020
di di Giuliano Gabriele Guida Bardi, foto di Roberto Maggioni
turismo in Italia dopo Covid-19
The day after
18/5/2020
di MM
BWH Hotel Group strategie per la ripartenza

Cerca Articoli WEB