Il meglio del turismo business&leisure

Food&Beverage in hotel
Blog detail
165
2019

Food&Beverage in hotel. I quattro profili enogastronomici di Stephane Bellon

Il blogger Stephane Bellon individua quattro profili per gli addetti ai lavori tra: albergatore, imprenditore, ristoratore, e indeciso

«La scelta del Food&Beveragein hotel, e di conseguenza la strategia per l’intero reparto, è strettamente legata al DNA enogastronomico del suo proprietario e del suo general manager». Sostiene Stephane Bellon, blogger e firma autorevole di HotelsMagazine, che ha creato una mappa in cui individua e colloca quattro profili che abbinano ristorazione e ospitalità.Vediamoli:

L’albergatore

È tra i più diffusi in Italia, e vede la ristorazione come una perdita di tempo, un dovere ospitale più che un dovere strategico, che lo, porta sempre più spesso, a esternalizzare il servizio.

Il grande albergatore romagnolo, Tonino Batani, proprietario, tra gli altri, del celebre Grand Hotel di Rimini, sosteneva: “i soldi si fanno con i lenzuoli e non con i tovaglioli”.

Il ristoratore

È l’opposto dell’albergatore. Per lui la componente enogastronomica è la principale motivazione di lavoro e di business.

L’imprenditore

La sua mission è associare i vari elementi del Food&Beverage e combinarli con l’arte, il glamour e la cultura. Sa bene che il servizio di ristorazione è fondamentale in termini di marketing e comunicazione, soprattutto a livelli di lifestyle.

Per lui il ristorante è un marchio identificativo, fattore importante per differenziare e rendere attraente il proprio hotel, tanto da affidare, in caso non avesse internamente il know-how, la gestione del Food&Beverage a un manager specializzato.

L’indeciso

Spesso con un passato da albergatore o da ristoratore, anche di successo,oggi non considera più il ristorante come una priorità, al contrario delle camere o delle sale riunioni, a suo avviso, più redditizie.

Il suo obiettivo è fornire un servizio coerente ai propri clienti, che sono prevalentemente ospiti dell’hotel (rari quelli esterni). Nonostante abbia la consapevolezzache il ristorante è un servizio strategico, tende a concepire quest’ultimo come una formalità, una commodity, alla quale non sente di dover porre particolare attenzione in termini di comunicazione, promozione e commercializzazione.

E tu albergatore in quale di questi 4 profili di Food&Beverage in hotel ti riconosci? >>Leggi di più 

Cerca Articoli WEB