Il meglio del turismo business&leisure

Blog detail
141
2020

Dietro le quinte del TTG

La marcia trionfale del TTG di Rimini sembra inarrestabile e anche quest’anno i numeri lo confermano, registrando un 11% di presenze in più rispetto all'anno prima.

Dietro le quinte del TTG_1

Come il primo giorno di scuola

Tutti abbiamo memoria del primo giorno di scuola, dopo le vacanze estive quando nell’attesa che la campanella ci riportasse in classe per il nuovo anno scolastico, ci riunivamo nel cortile della scuola. Erano momenti di gioia e di positività; ci si incontrava, ci si abbracciava e ci si confrontava.

A distanza di anni, mi capita di ritrovare quello stesso spirito e affetto nei corridoi del TTG e durante l’Hospitality Day che lo precede.

C’è un’espressione così estroversa nel nostro riconoscersi tra stand e corridoi della fiera che mi intenerisce, sono forti gli abbracci, generose le mani protese per un saluto sorridente, teneri i baci scambiati sulle guance. C’è tanta passione per il proprio mestiere nei nostri abbracci! Credo non esista altro settore merceologico in cui i colleghi che hanno l’occasione di incontrarsi per lavoro durante Fiere e Manifestazioni esprimano in modo così caloroso il loro codice di appartenenza.

Un portamento a prova di T-Rex

Noto una cera similitudine tra i buffi e famelici dinosauri dell’era giurassica e le donne che affollano gli stand del TTG che indossano scarpe a prova di storta, con tacco 12, pensando che oscillare mentre si cammina dia un certo tono, conferisca un certo stile, e che l’altezza oltre a essere mezza bellezza faccia apparire anche più professionale. È curioso accostare il feroce predatore del Giurassico alla collega presente al TTG che mi viene incontro con la sua felpata e traballante camminata, e la sua espressione determinata e un po' ferina.

L’uso dello smartphone come chiave di lettura della nostra personalità

Oggi lo strumento più usato per il lavoro, diventato quasi un’appendice del corpo, è lo smartphone che diventa un vero e proprio linguaggio extraverbale, marcando differenze sostanziali di personalità tra gli individui. Della serie “dimmi come digiti e ti dirò chi sei”.

Una volta, per capire la personalità ci si affidava all’analisi della scrittura, ora all’uso e al movimento delle dita sulla tastiera virtuale: chi scrive con il pollice della stessa mano che mantiene lo smartphone; chi scrive con il pollice, mantenendo il cellulare con l’altra mano; chi tiene il telefono in una mano e scrive con l’indice dell’altra. E infine chi digita con i pollici di entrambi le mani – la tipologia più comune tra gli stand del TTG – che parrebbe essere un individuo alla continua ricerca di equilibrio, che preferisce lavorare da solo.

Il Red Carpet della Romagna

Ogni anno, la camminata lungo la Via Vespucci di Rimini diventa il nostro Red Carpet. Ci si va per curiosità, per vedere cosa viene organizzato nei bar e locali del lungomare, chi c’è all’Embassy, storico locale di Marina Centro. Avvicinandoti, ogni volta la curiosità aumenta e ti chiedi chi sarà questa volta a organizzare la più bella serata post fiera.

Leggi di più sul TTG di Rimini

 

 

ULTIMI ARTICOLI NELLA RUBRICA scenari-del-turismo

Il Mercato Centrale, le nuove piazze del cibo made in Italy
Micro Bleisure e il viaggio a portata di App
Dietro le quinte del TTG
Dietro le quinte del TTG
14/1/2020
di Maurizio Faroldi
Parchi divertimento patrimonio di valore per il territorio
Sale d’aspetto in aeroporto che passione

Cerca Articoli WEB