Il meglio del turismo business&leisure

Blog detail
115
2020

Estate 2020: come viaggeranno gli italiani e i nuovi trend

Soluzioni intelligenti e originali per trascorrere il periodo estivo alla scoperta di esperienze a contatto con la natura e il saper fare sempre nel rispetto delle misure di sicurezza

Estate 2020_1

Magari le faranno più brevi e quasi sicuramente non usciranno dai confini italiani, ma pare certo che gli italiani non rinunceranno alle loro vacanze nell’estate 2020, soprattutto dopo la clausura forzata di questi mesi.

Si tenderà a privilegiare il turismo di prossimità, sia per riscoprire e sostenere l'Italia, sia perché i lunghi spostamenti potrebbero essere complicati. E la parola d'ordine oltre ad essere distanziamento sarà esperienza a contatto con la natura.

In queste ultime settimane si è registrato un autentico boom nelle vendite online di prodotti destinati al tempo libero e all’aria aperta. Dai sondaggi emerge come il 31% degli italiani farà almeno una o due settimane di vacanza mentre il 30% degli intervistati si accontenterà di fine settimana fuori porta o brevi soggiorni da trascorrere nella Penisola. Il 37% di chi andrà in vacanza sceglierà l’hotel, il 30% la casa in affitto e il 23% la seconda casa.

Tra le opzioni da prendere in considerazione le vacanze a contatto con la natura, in tenda o camper: un'alternativa all’hotel, nel rispetto delle distanze sociali. Il 51% degli italiani dichiara di essere disposto a considerare questo tipo di vacanza per brevi soggiorni mentre, per quanto riguarda la meta, una persona su due predilige il mare. A seguire la montagna (36%) e i parchi nazionali o le riserve naturali (31%). Per le vacanze nella natura, la tenda viene ritenuta indispensabile per lo più dalle fasce d’età più giovani, mentre gli over 55 rivolgono la loro preferenza a camper e roulotte.

Trend in ascesa, l’appren-trip

Comprendere i gesti, imparare a riconoscerli e, una volta tornati a casa, ricordarne la sequenza e il significato: questi sono, gli elementi alla base di un turismo esperienziale che si muove sulle sponde dei laghi e si inerpica per i pendii delle colline e delle prime montagne, per poi tuffarsi tra i profumi delle vigne e delle cantine.

Tra botti in acciaio e in legno di rovere in Valle Camonica

Sono Andrea e Marco ad accogliere i curiosi e gli appassionati del mondo del vino tra le botti in acciaio e in legno di rovere dell’azienda agricola Luscietti-Bignotti di Piamborno, in Valle Camonica. I due giovani eredi della tradizione di famiglia si fanno interpreti del “Cultivar delle Volte” – rosso con uvaggi di Merlot e Barbera, frutto dei vitigni già coltivati da nonno Pietro dagli anni Cinquanta – e diventano guide d’eccezione per un’esperienza che svela i segreti del mestiere, dalle tecniche di produzione al processo di imbottigliamento. Il tutto con degustazione e introduzione alla terminologia e agli strumenti di lavoro del sommelier. Info www.cultivardellevolte.it

Intaglio e scultura del legno a Braone

L’arte senza tempo degli artigiani camuni è il cuore dell’esperienza che tutto l’anno è possibile assicurarsi nella bottega laboratorio di Braone dove, guidati da Franca Ghitti, i maestri dell’intaglio e della scultura del legno non risparmiano racconti e dimostrazioni del loro lavoro. Ai partecipanti vengono forniti colori e pennelli per dare luce e tratti alle piccole sculture tipiche della valle con estro e armonia per un giorno da artigiani. Info: www.artigianatocamuno.com

In Valle Camonica, a Erbanno, ci si può candidare per un futuro da nuovo Mastro Geppetto dove Claudio Bolis nella sua Torneria del Legno, accoglie apprendisti e curiosi con voglia di cimentarsi con il tornio: la bacchetta magica che trasforma un ceppo in utensili da cucina, e oggetti dai mille usi che diventano souvenir creati insieme alla guida di Bolis. Info su www.tornerialegnobolis.com

Dalla carta alla farina a Toscolano Maderno

Ci si può avventurare nell’Arte del Far Carta, a Toscolano Maderno, sul Lago di Garda, nel laboratorio Toscolano 1381. Qui, Filippo, Marco e Valentina hanno recuperato i segreti e i procedimenti degli anziani cartai e si propongono ad appassionati e intenditori. Nel laboratorio si scoprono i passaggi per creare singoli fogli con fibre vegetali pure o di riciclo, ritornando con la mente al XIV secolo. Attrezzatura e grembiule da lavoro sono forniti dall’azienda per realizzare i fogli con le proprie mani, dal telaio all’asciugatura, con stampa a inchiostro da stampatrice a caratteri mobili di inizio Novecento. Info: www.toscolano1381.it

I segreti della panificazione a Odolo

Il laboratorio della Pasticceria Bazzoli di Odolo è tappa d’obbligo per gli aspiranti artigiani del pane che non possono lasciarsi sfuggire l’occasione di entrare nel regno di Beniamino in cui il lievito madre genera impasti fragranti. Da lui si apprendono i segreti del connubio tra selezione delle materie prime e moderne tecniche di panificazione, dopo aver messo le mani in pasta, tra nuvole di farina e olio di gomito. Info: www.lineapane.it

Living like a local in Friuli Venezia Giulia

Arrampicarsi sugli alberi, scoprire botteghe artigiane, pedalare fra i castelli e colline moreniche, fare trekking fra i vigneti del Collio o assieme agli asini: sono queste le escursioni in una giornata accompagnati da abitanti della regione per immergersi appieno nell’animus loci del territorio. Arrampicarsi sugli alberi con Andrea Maro prevede la conoscenza dell’ambiente naturale boschivo della regione e la scalata di una quercia da cui si può ammirare un panorama unico; si può scegliere anche l’experience Fra le botteghe artigiane di Trieste con MissClaire, Collinbici: fra i castelli delle colline moreniche con Giuliano Piccoli oppure Esperienze asinine a misura di famiglia con Sabrina Pellizon e Trekking tra i vigneti del Collio con Michele Castro. Info: www.turismofvg.it/Live-Like-a-Local

Cerca Articoli WEB